Radici forti come querce di Galilea

Dove: Galilea, Israele

Chi: Sindyanna

Più di 100 donne lavorano nella produzione e nel marketing di prodotti locali
3star

Tra Nazareth e Caana, la soluzione dei conflitti si fa sul campo (è il caso di dirlo), tra ulivi a perdita d'occhio, e villaggi di agricoltori, sulle colline tra il mare di Haifa, il Lago di Tiberiade ed il deserto.

Il nome Sindyanna è conosciuto a chi ama gli oggetti etnici dei negozi del commercio equo, ma la realtà qui è molto di più: decine di uomini indaffarati a raccogliere olive e legna, nei terreni delle famiglie arabe, e più di cento donne che lavorano a casa o insieme nei laboratori artigianali di olio, cesti, stoffe, legno. E vendono i prodotti in modo che il ricavato vada direttamente agli artigiani e ai produttori.

Sono state le donne, israeliane arabe ed ebree, a fondare Sindyanna, per battersi contro le iniquità sociali.
Oggi sono più di cento, e, supportate dal progetto di sviluppo e rafforzamento della Ngo italiana Cospe, si incontrano ogni settimana, scambiano culture e conoscenze, discutono nuove idee, tengono corsi di lingue, marketing, gestione, diritti, legislazione, tecniche di produzione, con grande successo di partecipazione e un miglioramento della loro condizione.

Hanno incominciato, nei campi intorno a Nazareth, aiutando i coltivatori di ulivi, spezie, carrube, sesamo, mandorle, e ora producono un olio d'oliva premiato, confezioni di spezie za'atar per cucinare, mieli, sciroppi, saponi, raffinati cesti e utensili con i rami di palma da dattero, di ulivo e di salice. Tutto venduto sul posto o spedito a 35 organizzazioni del mercato equo.

L'ultima novità: il nuovo Visitor Center si è trasferito in una sede più in grande a Caana.
Qui accolgono i turisti nella grande sala, li accompagnano dove si confezionano olio, miele e i sacchetti di erbe zatar, tra telai e grandi pile di paglia. Chi vuole può partecipare a corsi di cesteria, di cucina, comprare deliziosi cesti con sapone all'olio di oliva, sciroppi, olio di mandorle, miele.
E ordinare grandi pranzi con cous cous, insalate, humus, zatar, labaneh, falafel, pollo e riso.

Ma Sindyanna e il Cospe hanno avviato anche altri progetti, come "Fair Trade Fair Peace": la prima linea equo-solidale di prodotti artigianali tra palestinesi e israeliani per le organizzazioni del commercio equo, con la collaborazione in Palestina della Bethlehem Fair Trade Artisans.
Idea perfetta, perché ora, nella show room della BFTA, nel quartiere di Al-Anatreh a un passo dalla Chiesa della Natività, gli oggetti, creati dalle mani di artigiane di zone diverse, si incontrano: il portasapone è abbinato alla saponetta di olio d'oliva, il cesto contiene il gioiello di vetro, legno d'ulivo, ceramica, lana cotta, ricami.

Per il viaggiatore che arriva qui di notte, è anche possibile essere ospitati nelle famiglie.
"Vogliamo combinare le nostre risorse - spiega Roni Ben Efrat, una delle fondatrici di Sindyanna- di persone progressiste ebree e arabe, perché la comunità araba, è discriminata dal 1945, nel 43% dei casi sotto la soglia di povertà, spesso sofferente per mancanza di accesso al credito e alle terre, di educazione e di istruzione, dovute alla loro condizione di discriminazione su base etnica, e ancora più difficile per le donne, costrette dagli usi patriarcali insiti nella tradizione palestinese.
Perciò il Centro è il luogo in cui ci incontriamo e rafforziamo le donne. Qui i profitti vanno direttamente alla Comunità, ogni donna che fa un cesto stabilisce il prezzo e quando viene venduto riceve il prezzo pieno".

INFO
http://www.sindyanna.com/
http://www.cospe.org/progetto/fair-trade-fair-peace/

Foto: Sindyannna, Valeria Giarletta, Yoram ROn, DG Arye.

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente