Perchè Covivium non sia solo una parola

Dove: Nablus, Palestine

Chi: Bait Al Karama

 

3star 20 donne impiegate e tutta la comunità coinvolta

Che fosse una questione di donne si sapeva dall'inizio, quando un donatore regalò una casa nel cuore della città vecchia a patto che si facesse un centro per le donne. Che Nablus sia celebre per arte e cucina, quindi cultura palestinese, è ben noto. Perciò, il Beit al Karama non poteva che essere un'associazione di donne con tante attività basate sulle loro tradizioni e sui bisogni di una condizione difficilissima.

Ora, Bait al Karama ha non solo restaurato la vecchia casa, ma anche aperto una cucina moderna, un centro multifuzionale, una salone di bellezza. E qui organizza workshops di formaizone al lavoro, incontri settimanali con una consulente e guida psicologica, eventi di arte o semplicementi incontri tra persone del quartiere.

Nablus, città palestinese al centro di forti scontri tra l’esercito israeliano e la resistenza palestinese a 63 km da Gerusalemme, è ancora oggi devastata dalla violenza e dalla disoccupazione. Nablus rappresenta però anche il cuore della gastronomia palestinese, ed è proprio da questo presupposto che è nato il progetto di Beit al Karama, un centro socio-culturale gestito da sole donne, che mette il cibo e la tradizione gastronomica al centro di un programma di supporto ai bisogni economici, sociali e psicologici delle donne, e per rivalutare la città di Nablus come luogo di arte e di gastronomia. Il progetto ha dato vita a una cucina gestita tutta al femminile, che oggi rappresenta la prima scuola di cucina palestinese rivolta a tutti gli amanti della gastronomia mediorientale. L’obiettivo è far conoscere le tradizioni alimentari palestinesi non solo ai visitatori di passaggio, ma soprattutto alla stessa popolazione locale, con particolare riguardo per i giovani.

Il fiore all'occhiello del progetto è ovviamente la Scuola di Cucina.
Si fanno cene per gruppi di 30 persone, si insegnano le ricette locali, si fanno feste. In più aspiranti chef, artisti e accademici, turisti in viaggio per il Medio Oriente, trovano le qui guide per a visitare il souk, fabbriche di tahina o di knafeh, laboratori di pane o formaggio, in città o in campagna.

Le prossime tappe?

Un ristorante sul tetto a terrazza di al Karama, e un b&b di charme: 25 camere di charme, in una vicina casa restaurata, con vista su antiche mura.

Per chi vuole saperne di più, ecco alcune pagine dal sito http://baitalkarama.org/the-project:

Bait al Karama prevede la creazione di un centro sociale-culturale gestito da donne e gestito secondo un modello d'impresa sociale, dove le attività legate al cibo sono il veicolo per sviluppare un reddito regolare per le donne coinvolte, nonché il mezzo per sostenere un programma sociale e culturale significativo.

Al centro del progetto, due obiettivi principali: sostenere i bisogni sociali ed economici delle donne della Città Vecchia di Nablus che lottano dopo l'occupazione per mezzo di un'impresa sociale basata sul cibo. E per attirare l'attenzione internazionale sulla Città Vecchia di Nablus come luogo di Arte e Cultura, avviando una serie di iniziative culturali e artistiche che coinvolgono la scena culturale palestinese locale e più ampia, nonché ospiti internazionali e per incoraggiare il turismo sostenibile. Attraverso attività generatrici di reddito Bait al Karama mira a raggiungere la sostenibilità finanziaria a lungo termine e a realizzare la sua missione socio-culturale, offrendo al contempo alle donne della Città Vecchia l'occupazione e la possibilità di sviluppare reddito e autosufficienza.

Una dimensione importante del conflitto israelo-palestinese riguarda il controllo di Israele sul movimento del popolo palestinese, dei beni e delle risorse. In risposta alla ritirata degli uomini dal mercato del lavoro, le donne hanno dovuto entrare nella sfera pubblica e impiegare strategie per prevenire la miseria familiare e la dipendenza dagli aiuti. Tra le difficoltà incontrate dalle donne vi sono la disparità retributiva nei posti di lavoro di basso livello e non protetti, l'istruzione limitata, l'inesperienza delle imprese e le restrizioni imposte alle donne in una società patriarcale che si muove in campi.

Dato l'ambiente generale di conflitto che sta portando ad alta disoccupazione e povertà, la violenza si è infiltrata nella vita quotidiana e nella sfera domestica dei palestinesi, colpendo prima di tutto donne e bambini.

Le condizioni economiche sopra descritte sono, nella città di Nablus, peggiorare dall'ambiente conservatore accentuato che colpisce direttamente la sensibilizzazione pubblica delle donne; In questo quadro, la sfera delle donne della Città Vecchia di Nablus cerca opportunità per sé-l'occupazione e lo sviluppo di capacità per far fronte alle diffuse difficoltà economiche e rispondere alla necessità di sviluppare capacità e fiducia in se stessi per acquisire indipendenza economica.

Inoltre, la città vecchia di Nablus non offre centri ricreativi e luoghi di aggregazione per le donne, di conseguenza, non molte opportunità sono date alle donne per socializzare e condividere lotte psicologiche e sociali.

Lo sviluppo di istituzioni locali per l'empowerment della comunità può essere una buona fonte di coinvolgimento ed esperienza per i giovani, sia maschi che femmine. Questi possono portare a una maggiore coesione sociale e costruzione della comunità e instillare cambiamenti positivi nell'atteggiamento verso e nella pratica dei ruoli di genere.

INFO:

www.baitalkarma.org

Rimani aggiornato

Iscriviti alla Newsletter
La Guida delle Libere viaggiatrici
Partecipa in GRT
Facebook

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente