Progetti di sviluppo ampliati nel turismo. Novità da Las Galeras

Il viaggio completo dall'Italia è organizzato da Viaggi Solidali (in Luoghi). Ecco la colorata descrizione di luoghi e progetti direttamente da Martina Turri, una dei responsabili dell'Associazione San Benedetto, a Las Galeras. 

La “Strada dello Zenzero” è un percorso di vita, un cammino di apprendimento che uomini e donne di diverse nazionalità hanno deciso di intraprendere insieme. La strada è il luogo, sia immaginario che reale, dove queste persone scambiano idee ed esperienze, insegnamenti e stili di vita e dove, insieme, affrontano gli ostacoli e festeggiano i successi.

La strada si trova in Repubblica Dominicana e si sviluppa nella penisola di Samaná, precisamente nelle comunità rurali di Las Galeras, un paese sul mare all’estremità nord orientale dell’Isola e della Penisola stessa. Il turismo a Las Galeras si concentra sulle spiagge, di invidiata bellezza, che circondano il paese. Altrettanto incantevoli sono le colline interne, dimora della gente semplice del campo, ma dove i turisti non si fermano. La Strada dello Zenzero si sta costruendo con l’obiettivo di far conoscere le affascinanti realtà rurali ai visitatori curiosi.

La strada è fatta di piante e fiori esotici, campi coltivati, cammini dissestati, casette colorate, animali al lavoro, scuole, verdissime e morbide colline, baracche di lamiera, centri di aggregazione, ristoranti popolari, fango e panorami mozzafiato. Ma, soprattutto, la strada è fatta di persone. Donne e uomini dominicani genuini e sorridenti, ospitali e aperti, vogliosi di accompagnare e accogliere i visitatori che arrivano da lontano e percorrere con loro un pezzo di Strada.

La Cooperativa Agro-turistica Guariquén, costituita da questi uomini e donne, sta sviluppando e gestendo tutte le attività agricole, turistiche e culturali che le comunità rurali di Las Galeras hanno voluto includere nella Strada dello Zenzero. La Cooperativa racchiude la duplice funzione di organo gestore della Strada e di laboratorio di confronto tra le diverse componenti comunitarie e generazionali. Tale situazione permette un maggiore bilanciamento fra il peso delle donne e quello degli uomini all’interno delle comunitá, egualmente importanti e fondamentali per la valorizzazione e la gestione integrata del loro territorio.

Le attività agricole consistono nella coltivazione, produzione e commercializzazione di zenzero biologico di alta qualità. Questa parte produttiva é stata presa in gestione dalla componente maschile delle comunità rurali di Las Galeras, essendo gli uomini, nella maggior parte dei casi, ad occuparsi dei lavori agricoli.

Le attività turistiche e culturali, che consistono nell’accoglienza e nell’intrattenimento dei turisti, sono invece gestite quasi interamente dalle donne e dalle ragazze delle comunità. Belle, simpatiche, tonde, buffe, sorridenti, piccole o grosse, madri, mogli, amiche, cuoche d’eccellenza, ballerine provette … sono le persone naturalmente portate all’ospitalità e alla cura dei forestieri.

Grazie all’appoggio dello staff e delle risorse del Progetto Guariquén II – La Strada dello Zenzero le donne e le ragazze delle comunità hanno iniziato ad organizzarsi e suddividersi i compiti, secondo il loro interesse e le loro doti naturali, potendo disporre di spazi adatti alla realizzazione delle loro attività e di personale qualificato per la formazione.

Nella comunità della Loma Atravesada è stato costruito un grande centro per i momenti di animazione, intrattenimento, riunione, al cui interno é stata allestita ed equipaggiata una cucina per poter ricevere oltre una ventina di turisti contemporaneamente. Attualmente si sta provvedendo alla selezione di case della popolazione locale con la finalità di ristrutturarle e adibirle all’accoglienza dei turisti. Alle famiglie ospitanti verranno consigliate le forme più idonee da adottare per ricevere e soddisfare i turisti e condividere le ricadute economiche con l’intera comunità.

Negli ultimi due anni, inoltre, sono stati impartiti diversi corsi alle donne delle zone rurali, con l’obiettivo finale e comune di fornire loro gli strumenti più idonei per creare, gestire e promuovere un pacchetto turistico che comprenda escursioni nelle aziende agricole dei produttori di zenzero biologico, degustazioni gastronomiche, pernottamento in strutture comunitarie e partecipazione ad attività e spettacoli folcloristici.

Le donne della Strada dello Zenzero hanno partecipato con grande interesse ed entusiasmo alle lezioni di Elias sul marketing turistico, apprendendo attraverso giochi, rappresentazioni ed esercitazioni dinamiche ed efficaci, l’importanza e l’applicazione di questo fondamentale strumento di promozione e vendita dei loro servizi. Grazie alla passione dei professori di animazione turistica e cultura locale, Anissio e Amansio, le più giovani (accompagnate anche da qualche ragazzo) si sono scatenate in balli tipici, giochi di gruppo, componimenti di poesie, canti popolari e hanno approfondito le conoscenze sulla storia e la cultura locale propria della loro terra. I corsi di informatica, effettuati nell’ottica della gestione della cooperativa, sono stati suddivisi in cicli progressivi, per permettere a tutti, anche chi parte da un livello minimo, di imparare ad utilizzare correttamente ed efficacemente il computer. I più “gettonati”, divertenti e saporiti sono i corsi di cucina tipica e pasticceria a base di zenzero, impartiti da professoresse allegre e creative e particolarmente apprezzati da donne e giovani, che con i loro grembiuli della Strada dello Zenzero e i buffi cappellini o cuffiette colorate impastano, friggono, tagliano, lavano e decorano un’infinità di piatti.

Durante tutti i corsi e le riunioni, le donne sono accompagnate dallo staff del Progetto, che ha dato loro appoggio, suggerimenti e chiarimenti su ogni tipo di questione o problematica inerente la Strada, concentrandosi in particolar modo sull’esposizione e sulla diffusione dei principi del turismo responsabile e sull’avviamento di percorsi di crescita e conoscenza finalizzati all’innalzamento del livello di autostima a livello personale e comunitario.

Tutti gli insegnamenti, gli scambi di esperienza, i corsi, i seminari e le esercitazioni utili per la costruzione della Strada dello Zenzero hanno l’ambizioso obiettivo di fornire le conoscenze necessarie per la valorizzazione e la gestione del territorio in ogni suo ambito e aspetto, al di là dello zenzero o del turismo in sè. Il grande valore di questo cammino sta nella trasmissione di un modello partecipativo e sostenibile di piena appropriazione e condivisione delle risorse di una comunità da parte dei suoi abitanti.

Le donne di Rincón, Los Tocones e Loma Atravesada sono in cammino, pronte, felici e curiose di condividere il percorso con tutti quelli che passeranno dalle loro parti.

Il Progetto Guariquén II –  La Strada dello Zenzero è nato per promuovere lo sviluppo armonico e sostenibile delle comunità rurali di Las Galeras, valorizzando le risorse umane e naturali di queste zone. Il Progetto, di durata triennale (2008-2011) è stato finanziato dal Ministero degli Esteri italiano e ha beneficiato del contributo del Comune di Milano e della Provincia di Genova. In loco è gestito e realizzato dalla ONG ICEI e dall’Associazione San Benedetto del Porto, con la preziosa partecipazione di UCODEP. Le donne e le ragazze delle comunità coinvolte nel Progetto sono un centinaio circa. Il Progetto mira alla massima valorizzazione del loro potenziale umano, attraverso la conoscenza di sé, la messa alla prova, lo sviluppo delle loro capacità e l’apprendimento di nuove abilità, che permettano loro di inserirsi nel mondo del lavoro secondo i principi dello sviluppo sostenibile comunitario.
Per informazioni  rutadeljengibre@gmail.com

Rimani aggiornato

Iscriviti alla Newsletter
La Guida delle Libere viaggiatrici
Partecipa in GRT
Facebook

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente